Santa Maria del Popolo: uno scrigno di capolavori da Raffaello a Caravaggio

DOMENICA 18 MARZO 2018 - ORE 16:30
ROMA - SANTA MARIA DEL POPOLO: UNO SCRIGNO DI CAPOLAVORI DA RAFFAELLO A CARAVAGGIO

Una storia millenaria accompagna la fama di uno dei più noti luoghi di culto cattolico siti nel cuore della città eterna:
una cappella votiva fu trasformata in chiesa sulle tombe dei Domizi, per volontà di papa Pasquale II e a spese del popolo romano come ringraziamento per la conquista di Gerusalemme.

Riedificata nel Quattrocento all'epoca di papa Sisto IV, ebbe
un interno a tre navate, a croce latina con volte a crociera, che mostra lo schema sobrio e proporzionato delle chiese Cistercensi;
nel pavimento ci sono numerose lastre sepolcrali, risalenti al Medioevo ed al Rinascimento.

Fu modificata nel Seicento ed è legata ai nomi di artisti celeberrimi:

- Bramante per l’architettura dell’abside;
- Bernini per la decorazione a stucchi della navata;
- Pinturicchio per gli affreschi a tema sacro;
- Andrea Bregno per i monumenti funebri;
- Raffaello per i mosaici della cappella voluta dal banchiere senese Agostino Chigi (che custodisce anche opere di Sebastiano del Piombo e Salviati);
- Carracci e Caravaggio per le tele della cappella Cerasi che segnano l’inizio di una nuova straordinari stagione della pittura romana al principio del XVII secolo.

- A cura della Dott.ssa Valeria Marino -

Appuntamento: Domenica 18 marzo ore 16:15 davanti alla Chiesa - Roma


Tessera associativa:
€2

Prenotazione e pagamento
OBBLIGATORIA tramite una email all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure tramite il numero telefonico 340.3324511




 





 

Letto 195 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Giugno 2018 08:04

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più riguardo i cookie vai ai dettagli.