Passeggiata nel cuore della Roma barocca: dal Quirinale a Piazza Barberini

DOMENICA 21 APRILE 2013 - ORE 10.30
I CAPOLAVORI DI ROMA BAROCCA

Partendo dal Quirinale, antica residenza Papale, visiteremo le chiese di Sant’Andrea e San Carlino, capolavori di Bernini e Borromini, e percorrendo gli assi viari creati da Sisto V°, con le fontane e gli obelischi che ne segnano i punti focali, arriveremo fino a piazza Barberini, con la sua straordinaria Fontana del Tritone.

Già ammirando lo splendido palazzo settecentesco che ospita il museo di Roma, Palazzo Braschi, si ha l’idea delle meraviglie che quest’ultimo racchiude.
Dopo aver salito l’incantevole scalone del Valadier si ha la possibilità, camminando attraverso le sale espositive, di conoscere la Roma del passato, quella che attirava artisti ed aristocratici da tutta Europa, considerando la città eterna meta fondamentale per il completamento della loro formazione accademica e culturale.
La collezione del Museo di Roma è una delle più eterogenee, formata da dipinti dei più noti artisti che qui a Roma vennero a studiare, da fotografie che immortalarono le scene quotidiane in una Roma incantata, ma ormai sparita. Ma non solo, le collezioni comprendono anche stampe, mobilio, ceramiche permettendo così una visione completa della città che fu.
Attraverso questi materiali di interesse documentale, oltre che storico artistico, si ha l’occasione di conoscere la storia di Roma e di ciò che nei secoli l’ha resa unica.

Antonio Canova. Il segno della gloria, disegni, dipinti e sculture.

Palazzo Braschi ospita fino al 7 aprile una mostra dedicata al grande Antonio Canova. Questa si propone di presentare l’opera dell’artista andando oltre la celebrazione dei suoi più importanti e conosciuti capolavori. Vi sono disegni, accompagnati da dipinti, gessi, terrecotte e marmi dei musei di Bassano del Grappa e dei musei di Roma, che testimoniano e raccontano la ricerca dell’artista che già nella sua epoca veniva considerato talmente grande da essere chiamato il “nuovo Fidia” e al quale, proprio per questo, vennero affidate commesse dalle più importanti personalità di quel periodo. Tra la selezione di opere esposte, la visita racconterà le più significative, soprattutto quelle che sottolineano l’ importantissimo legame che unisce questa mostra con Roma e con il museo che la ospita.
Potremo ammirare i disegni che Canova fece del “Gladiatore Borghese”, uno dei più importanti capolavori di statuaria antica, che all’epoca era in possesso, a Roma, della famiglia Borghese prima della sua vendita a Napoleone nel 1807. Oppure potremo ammirare il disegno per l’ideazione della scultura “Ercole furioso che scaglia Lica in mare” che, dopo numerosi mutamenti di destinazione e di committenza, fu ultimato nel 1815 per il banchiere Giovanni Torlonia che lo collocò nel suo palazzo di Piazza Venezia in un’apposita sala, la cui decorazione fu affidata a Francesco Coghetti.
Il palazzo però fu abbattuto per il riassetto della piazza e con esso si perse anche la splendida cornice pensata per la scultura. L’unica testimonianza di tale meraviglia è custodita appunto nel Museo di Roma, che possiede fotografie che ne documentano lo splendore oltre ai cartoni preparatori della decorazione del Coghetti.

Le mirabili opere del Canova dunque, saranno un ulteriore ed interessante arricchimento per il percorso tematico scelto a Palazzo Braschi.

APPUNTAMENTO
: Domenica 7 Aprile ore 10.30 a piazza del Quirinale vicino alla fontana (lato pedonale) - Roma.

 

Tessera associativa: €2

Prenotazione OBBLIGATORIA tramite una email all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure tramite il numero telefonico 340.3324511

 

Letto 119 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Giugno 2018 08:34

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più riguardo i cookie vai ai dettagli.