Canova eterna bellezza, Mostra Evento dell'anno

DOMENICA 19 GENNAIO 2020 - ORE 10:30
VISITA GUIDATA - L'ARTE CANOVIANA

Una mostra-evento incentrata sul legame tra Antonio Canova e la città di Roma, con oltre 170 opere e prestigiosi prestiti da importanti Musei e collezioni italiane e straniere incorniciate da un allestimento di grande impatto visivo nelle sale del Museo di Roma in Palazzo Braschi. L’esposizione racconta in 13 sezioni l’arte canoviana e il contesto che lo scultore trovò giungendo nell’Urbe nel 1779:

la nascita del nuovo stile tragico, la Repubblica romana, le sculture classiche come Ercole e Lica, i Pugilatori, la Danzatrice con le mani sui fianchi (proveniente da San Pietroburgo, che gira sulla sua base); Antico e Moderno a confronto, l’Accademia di San Luca, l’esperienza come Ispettore delle Belle Arti, i busti del Pantheon, le opere per il Vaticano, la glorificazione postuma.
Attraverso ricercate soluzioni illuminotecniche, lungo il percorso espositivo è rievocata la calda atmosfera a lume di torcia con cui l’artista, a fine Settecento, mostrava le proprie opere agli ospiti, di notte, nell’atelier di via delle Colonnette. Dai tesori dei Musei Capitolini a quelli dei Musei Vaticani, dalle raccolte dei Farnese e dei Ludovisi ai marmi inseriti nel contesto urbano dell’epoca, furono tantissime le opere che l’artista - rapito dal loro fascino - studiò minuziosamente, rendendole testimoni e protagoniste del suo stretto rapporto con la città.
In mostra si ripercorrono gli itinerari compiuti dallo scultore alla scoperta di Roma, sin dal suo primo soggiorno. Sorprendenti, ad esempio, le sue parole di ammirazione nei confronti del gruppo di Apollo e Dafne di Bernini, visto a Villa Borghese, e riportate nei suoi Quaderni di viaggio.
Un’installazione di grande potenza emotiva riproduce infine in scala reale il gruppo scultoreo di Amore e Psiche giacenti al Louvre e apre una nuova sfida sui paradigmi della riproducibilità delle opere d’arte: la riproduzione, ad opera di un robot che ha scolpito incessantemente per 270 ore un blocco di marmo bianco di Carrara di 10 tonnellate, è infatti da leggersi come forma di rispetto per il pensiero dell’artista ed esprime l’aspirazione contemporanea a valorizzarne ancora una volta l’estro creativo.

- A cura della Dott. ssa Valeria Marino  -


Appuntamento: Domenica 19 gennaio ore 10:15, Palazzo Braschi Piazza di San Pantaleo, 10 - Roma -
Per info e prenotazioni*: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure tramite il numero telefonico 340.3324511

Letto 627 volte Ultima modifica il Giovedì, 19 Dicembre 2019 14:21

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più riguardo i cookie vai ai dettagli.